🌐Indagine sulle chat dei Social più importanti

  • di

La procura dei minori della Toscana, ha aperto un’indagine sulle chat whatsapp e telegram, e non è escluso che l’inchiesta possa aprirsi verso altri Social.

Oltre alle scene di omicidi e suicidi, che hanno trovato sul cellulare del minorenne, pare che i ragazzini si scambiassero immagini di violenze sessuali perpetrate anche su minori. ’’La chat sembrava quasi una setta e non è escluso che ci fosse un amministratore che organizzava e diffondeva i video’’.

L’operazione, chiamata «Dangerous Images» dalla polizia postale della Toscana è coordinata da Antonio Sangermano, che guida la Procura presso il tribunale dei minori di Firenze. Le ipotesi di reato per le quali si procede, in concorso, sono detenzione, divulgazione e cessione di materiale pedopornografico, detenzione di materiale e istigazione a delinquere aggravata.

Dall’analisi del telefonino di un quindicenne, è emerso un numero esorbitante di filmati e immagini pedopornografiche, anche sotto forma di stickers, scambiate e cedute dal giovane, rivelatosi l’organizzatore e il promotore dell’attività criminosa insieme ad altri minori, attraverso Whatsapp, Telegram e altre applicazioni di messaggistica istantanea e Social Network.

Se questo articolo ti è piaciuto condividilo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *